Contatti e assistenza

Non è ancora cliente?
Clicchi qui
Informazioni commerciali e help desk internet banking
  848 850 850
Chiamate urbane Lun-Ven 9.00-17.00
Posta dell'AD
Posta Amministratore Delegato
Compilate il form per rivolgere le vostre domande all'Amministratore Delegato di Farbanca. Verrete contattati al più presto per avere tutte le informazioni richieste.
Direttiva MiFID
 

Direttive MiFID

L'Unione Europea ha emanato le Direttive MiFID I e II (Markets in Financial Instruments Directive) con gli obiettivi di  rafforzare  la tutela degli investitori, aumentare la trasparenza del mercato degli strumenti finanziari ed incrementare la concorrenza e l'efficienza dei mercati di capitali.
 

LA MiFID 2004/39/UE (MiFID I)

La Direttiva MiFID (Markets in Financial Instruments Directive, 2004/39/CE), entrata in vigore il 1° novembre 2007 in tutti gli Stati dell'Unione Europea, ha come obiettivo la tutela degli investitori attraverso una maggiore armonizzazione delle diverse regolamentazioni esistenti nei singoli Paesi dell'Unione Europea in materia di servizi e prodotti finanziari.

La Direttiva introduce le seguenti, rilevanti innovazioni:

  • Classificazione dei Clienti in tre categorie, "al dettaglio", "professionale" e "controparte qualificata" (es. Banche). Questa classificazione è importante in quanto da essa dipende il livello di tutela riconosciuto al Cliente nello svolgimento dei servizi di investimento presso di noi. La maggior parte dei Clienti privati sono classificati "al dettaglio" e ricevono il più alto livello di tutela previsto dalla Normativa (Policy sulla Classificazione).

  • Regole generali per la gestione dei conflitti d'interesse: la Banca si è attivata per eliminarli o ridurli al minimo (Policy sul conflitto d'interessi).

  • La Banca è obbligata ad applicare le migliori condizioni possibili nell'esecuzione degli ordini dei Clienti (Execution Policy).

Pertanto nel mese di novembre 2007 Farbanca ha provveduto ad inviare alla Clientela una lettera nella quale abbiamo indicato la classificazione da noi attribuita ai fini MiFID.

LA MIFID II 2014/65/UE (MiFID II)

 

Dal 3 gennaio 2018 è entrata in vigore la normativa europea denominata MiFID II (direttiva 2014/65/UE) che ha lo scopo di rafforzare la tutela degli investitori retail nello svolgimento dei servizi di investimento. Detto intervento normativo introduce ulteriori elementi mirati a innalzare il livello di protezione della clientela e il livello di trasparenza sui prodotti finanziari, in particolare:

Maggiore trasparenza ed informativa sui costi

Fornire al cliente, in maniera più trasparente, per ogni strumento o servizio di investimento erogato, l’aggregazione dei costi. La finalità è porre il cliente nella condizione di comprendere in modo chiaro e trasparente il costo che sta sostenendo per la scelta di investimento effettuata.

Cosa l'investitore deve sapere

Il Cliente deve essere informato circa la modalità di trasmissione ed esecuzione degli ordini della Banca e la Banca è obbligata a gestire gli ordini di compravendita ricevuti dalla clientela alle migliori condizioni possibili (best execution).

Cosa la banca deve sapere dei suoi colenti investitori

La Banca deve chiedere ai propri clienti le informazioni necessarie per individuare le caratteristiche, gli obiettivi e le esigenze di investimento degli stessi e poter così raccomandare servizi e prodotti finanziari adeguati.

Attraverso la compilazione di uno specifico questionario la Banca verifica le esperienze e le conoscenze del cliente in materia di investimenti finanziari, i suoi obiettivi di investimento e la sua situazione finanziaria per accompagnarlo nell’individuazione di una scelta di investimento adeguata.

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

La Banca ha deciso di avvalersi di Banca IMI, società del Gruppo INTESASANPAOLO, per lo svolgimento dei servizi ed attività di investimento relativamente a strumenti finanziari quotati nei mercati regolamentati.FARBANCA, pertanto, svolge i servizi di negoziazione esclusivamente per il tramite dell’intermediario autorizzato BANCA IMI e, sulla base della Strategia dallo stesso adottato. La Banca accede alle “sedi di esecuzione” che BANCA IMI ritiene possano garantire su base continuativa e consistente il miglior risultato possibile per i clienti in relazione ai vari strumenti finanziari che sono oggetto dell’attività di negoziazione.

BANCA IMI esegue gli ordini trasmessi da Farbanca per conto della clientela in osservanza della propria Strategia di Esecuzione e Trasmissione ordini; la Strategia degli ordini di BANCA IMI è disponibile sul sito di Banca IMI sotto il nome di Execution policy al link:

https://www.bancaimi.com/bancaimi/chisiamo/documentazione/normative.html